Corsi di Formazione Certificati Regione Siciliana

Il CRESM organizza i seguenti corsi di formazione gratuiti, da svolgere in aula, certificati dalla Regione Siciliana:

  • Conduttore Impresa Agricola  (400 ore, titolo di studio richiesto: lic. media)
  • Assistente all’Autonomia ed alla Comunicazione dei Disabili (900 ore, titolo di studio richiesto: diploma)
  • Operatore Socio Assistenziale (700 ore, titolo di studio richiesto: lic. media)
  • Tecnico di Accoglienza Turistica (600 ore, titolo di studio richiesto: diploma)
  • Tecnico di Laboratorio Educativo (600 ore, titolo di studio richiesto: diploma)
  • Addetto Banconiere – Gastronomia  (600 ore, titolo di studio richiesto: lic. media)

Per informazioni e preiscrizioni, contattare il numero di telefono 0924 69000, oppure inviare un’email a formazione@cresm.it

E’ possibile candidarsi ai corsi proposti dal CRESM nel sito del Catalogo Regionale dell’Offerta Formativa al link seguente:
https://catalogo.siciliafse1420.it/catalogo/Y/A?t_sezione=A&b_sperimentazione=Y&t_denominazione_provincia=&i_sottoareaprofessionale_id=&t_riferimento=&t_profilo=&i_user_id=131

Descrizione dei corsi

La figura professionale di CAPO AZIENDA (o, equivalentemente, Conduttore di Impresa Agricola) deve possedere un bagaglio culturale pluridisciplinare ed un insieme di abilità tecnico-gestionali tali da potersi destreggiare con successo nei diversi ambiti connessi allo sviluppo aziendale e al miglioramento del rendimento “globale” dell’attività agricola, sia nella qualità di lavoratore autonomo (da imprenditore) che di lavoratore dipendente/coadiuvante. Oltre al lavoro manuale, che viene svolto più a contatto con la terra ed al ritmo dei cicli biologici, il capo azienda deve saper assolvere alle funzioni connesse alle fasi più a valle dei processi produttivi, come la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti e la logistica. Il corso prevede l’acquisizione di conoscenze e competenze diversificate e multidisciplinari che spaziano dall’aspetto della qualità commerciale, organolettica e nutrizionale delle materie prime agricole a quella dei prodotti finiti, dalla sicurezza alimentare (DIA e HACCP) ai sistemi di certificazione obbligatori e facoltativi, dalle tecniche di lavorazione, conservazione e analisi sensoriale al packaging e alla logistica, dalla diversificazione delle produzioni e dell’offerta in risposta ai moderni stili di vita ed esigenze salutistiche.

—–

L’Addetto Banconiere è una figura professionale in grado di svolgere compiti connessi alla vendita di prodotti alimentari ed intervenire nel processo lavorativo di trasformazione degli alimenti destinati alla vendita, unendo alle conoscenze tecniche del mestiere la capacità di comunicazione con il cliente. Si occupa in maniera diretta del servizio di vendita fornendo, dopo averli preparati,trattati e impacchettati al banco, prodotti alimentari freschi e di gastronomia; ha cura di instaurare un rapporto di fiducia col cliente accogliendolo, informandolo e consigliandolo. Cura la sistemazione dei locali, sia in termini di igiene e pulizia che di allestimento del banco vendita. Le competenze da conseguire riguardano: eseguire operazioni di trasformazione, conservazione e stoccaggio di materie prime e semilavorati, applicando i profili normativi di igiene, curare la presentazione delle merci, collaborare al funzionamento del punto vendita.

—–

Il Tecnico dell’Accoglienza Turistica è figura professionale polifunzionale caratterizzata da una profonda conoscenza del territorio in cui opera, da spiccate abilità comunicative e relazionali e dalla capacità di far fronte alle esigenze del turista, creando le situazioni più favorevoli. Assolve a funzioni sia di front office sia di tipo organizzativo-progettuale: riceve e accoglie, informa sui vari servizi offerti, fa fronte ai bisogni proponendo soluzioni adeguate, valuta la qualità dei servizi di accoglienza offerti e promuove iniziative per il loro miglioramento, sia nel contesto organizzativo in cui opera, sia nell’ambito della rete dei servizi turistici. Gestisce e promuove relazioni e rapporti con i soggetti pubblici e privati e con associazioni di settore per una adeguata e condivisa definizione dell’offerta turistica del territorio nella logica di una sua valorizzazione e promozione.

Sbocchi occupazionali: Può operare in strutture private e uffici pubblici di promozione turistica, nel reparto incoming di agenzie di viaggi e turismo e nel punto di accoglienza di strutture ricettive e di aree di interesse turistico e negli uffici di informazione e accoglienza turistica (IAT). Collabora nella progettazione di politiche di accoglienza turistica come strumento strategico per lo sviluppo e la promozione di un territorio in Italia e all’estero. L’evolversi della sua professionalità può prevedere attività di consulenza sulle tecniche e modalità dell’accoglienza turistica presso aziende private operanti nel settore ed enti pubblici, nella definizione e implementazione di strategie di marketing e nel monitoraggio degli esiti delle azioni di promozione intraprese.

—–

Il percorso formativo per Tecnico di laboratorio educativo è finalizzato a far acquisire agli/alle allievi/e le competenze necessarie per progettare, realizzare e gestire laboratori tematici espressivi, ambientali, multimediali e per la cittadinanza attiva.

Descrizione del percorso formativo
Il Tecnico di Laboratorio Educativo è la figura professionale che si occupa della progettazione e della gestione di laboratori tematici espressivi, ambientali, multimediali e per la cittadinanza attiva. Esercita competenze, conoscenze e abilità orientate a progettare, realizzare e gestire laboratori tematici, dedicati prevalentemente a bambini e adolescenti, strutturati con attività integrate e differenziate in base al tipo e all’età dell’ utenza e nelle diverse strutture culturali (scuole, musei, biblioteche, centri culturali..). E’ inoltre in grado di ideare, realizzare e condurre laboratori dedicati ad adulti che operano in campo educativo, scolastico e formativo, strutturati per presentare, sperimentare e far apprendere tecniche specifiche di laboratorio da utilizzare nel proprio ambito di lavoro.
Il suo intervento è finalizzato alla: • creazione di percorsi tematici di diversa tipologia (pedagogici, culturali e didattici) in ambito extrascolastico e museale • ideazione di interventi di sperimentazione e di ricerca che creino una correlazione diretta tra apprendimento teorico ed esperienza pratica • realizzazione di progetti specifici atti a promuovere opportunità formative in ambito espressivo, ambientale, multimediale e per la cittadinanza.

Il Tecnico di Laboratorio Educativo conosce ed è in grado di applicare in modo integrato, nei suoi interventi, uno o più linguaggi espressivi (musicale, teatrale, artistico…), diverse forme di comunicazione (audio-visiva, cinematografica…), metodologie specifiche e pratiche di sostenibilità (uso consapevole delle risorse, cittadinanza e partecipazione attiva anche in ambito ambientale). Ha competenze di carattere teorico-pratico, progettuali, organizzative e relazionali, nonché capacità di interazione e contestualizzazione che gli consentono di integrare il proprio intervento all’interno dell’ ambito e delle esigenze che le diverse strutture territoriali riportano.
Il Tecnico di Laboratorio Educativo svolge la propria attività in ambito extrascolastico e nella gestione strutturata del tempo libero, presso le sezioni didattiche museali, nelle biblioteche per bambini e ragazzi, nelle fattorie didattiche, nei centri culturali, nei servizi integrativi alla scuola. Trova inoltre impiego in tutti gli ambiti /istituzioni che svolgono attività didattico-educative e culturali come ad esempio cooperative, associazioni culturali ed altri soggetti privati.

Contenuti
Il percorso è costituito da tre fasi: orientativa, integrativa, professionalizzante. Per il raggiungimento degli obiettivi formativi del percorso è previsto l’utilizzo di lezioni teoriche, integrate da formazione pratica in laboratorio, volte ad approfondire i principali argomenti inerenti la professionalità quali: la finalità del laboratorio e la funzione degli interventi; l’analisi delle tematiche rivolte all’infanzia e all’adolescenza; l’uso del laboratorio nelle sue valenze educative e didattiche; le tecniche e le metodologie da impiegare; l’importanza dello sviluppo di una cultura della ricerca e della comunicazione; il valore delle esperienze laboratoriali nei diversi contesti educativi (musei, scuola, biblioteche…); l’educazione ambientale; le metodologie e le pratiche di sostenibilità (cittadinanza e partecipazione attiva, uso consapevole delle risorse); la multimedialità e le diverse forme di comunicazione (audio-visiva, cinematografica ecc.); i linguaggi espressivi (musicale, teatrale, artistico ecc.); la strutturazione di competenze didattiche, metodologiche e pedagogiche; la costruzione di progetti; il lavoro in équipe; il ruolo dell’adulto e la relazione tra pari.

Destinatari
Il corso si rivolge ad adulti disoccupati in possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado.

Obiettivi formativi
Il percorso formativo è stato delineato pensando alle specifiche esigenze di formazione di personale che svolge la propria attività in ambito extrascolastico e nella gestione strutturata del tempo libero. L’obiettivo è quello di sviluppare una professionalità qualificata per progettare e organizzare attività e servizi nei diversi ambiti dei laboratori educativi e didattici.
Le competenze acquisite saranno sperimentate direttamente attraverso attività di laboratorio volte a consentire l’esplorazione di differenti tecniche e l’applicazione in modo integrato di più linguaggi espressivi, diverse forme di comunicazione, metodologie e pratiche specifiche. Ad integrazione del percorso formativo si svilupperanno le competenze trasversali quali: principi della qualità, pari opportunità, sostenibilità ambientale, sicurezza propria e altrui, informatica, così come definite dai Principi Orizzontali dell’Unione Europea.
L’acquisizione delle competenze tecnico-professionali sarà completata da un training pratico di stage (200 ore) da svolgersi presso le sedi museali e strutture per servizi educativi convenzionate.

Selezione allievi/e
È previsto un colloquio motivazionale e orientativo. I candidati dovranno sostenere un colloquio preliminare di selezione che verterà sulle precedenti esperienze scolastiche, formative e lavorative e sugli aspetti di carattere motivazionale e di orientamento formativo e lavorativo.

Docenza e allievi previsti
Docenti accreditati dall’Ente di Formazione ed esperti del settore. Numero massimo 20 partecipanti.

Durata
Il corso di 600 ore prevede 400 ore di teoria e 200 ore di tirocinio con 16 ore per l’esame finale.

Certificazione
Attestato di specializzazione. Sarà rilasciato a coloro che avranno partecipato ad almeno due terzi del monte ore obbligatorio di frequenza e sostenuto l’esame finale.

Collocazione professionale
Gli sbocchi professionali sono diversificati sia come lavoratore dipendente sia come lavoratore autonomo in strutture pubbliche, private e del Terzo Settore: laboratori educativi, fattorie didattiche, servizi integrativi alla scuola, gestione strutturata del tempo libero, sezioni didattiche museali, biblioteche per bambini e ragazzi, centri bambini-genitori, centri sportivi, culturali e ricreativi, centri di aggregazione giovanile (rivolti prevalentemente a bambini/bambine e ragazzi/ragazze e alle loro famiglie).